S.ANTONI IN S'IERRU (1775)

 
La seguente poesia, datata 1775, è la più antica traccia scritta che testimonia la presenza della tradizione delle maschere dei Boes e Merdules ad Ottana.

Note Biografiche su Bonaventura Licheri.
Bonaventura Pasquale Pietro Antonio Raimondo Licheri, fu battezzato il 23 dicembre 1734: era figlio legittimo di Pietro de Montis Licheri e di Maria Mauricia Contini... compì studi ecclesiastici, e divenne gesuita.Particolarmente apprezzato per la facondia, Licheri attraversò l'Isola, affascinando i fedeli nelle prediche, presumibilmente anche in sardo,...si dedicò alla conversione dei banditi e dei reietti in quelle plaghe natie scelte per attuare il suo apostolato. Un'esistenza trascorsa fra missioni popolari e prediche.Quasi un curioso destino, il nostro poeta chinò il ciglio attorno al Natale, negli stessi giorni della sua nascita, il 27 dicembre. Era il 1802.

 

S.ANTONI IN S'IERRU

Totus a passu grae
finas a sa piana,
sos paules de Otzana
in astraore.

S'azudu 'e su Segnore
nos ponet forz'e alenu,
cun s'animu serenu
ma in suferta.

Totus sa jann'aperta
nos dant a s'arrivada,
pro s'anima cansada
est acunortu.

Pro su caminu tortu
in cussa longa 'ia,
bogh'e pregadoria
cun bonidade.

For'e disamistade
cun biaitu mantu,
oe prò Antoni Santu,
comunione.

E in su fogulone
ballant inghiriados,
cun peddes tramudados,
atera ratza.

De ortigu sa caratza
bestias de ogni zenia,
brincant a tremulia,
fumat s'alenu.

Cun su chelu serenu
sonant sos "Pandelados"*,
cun istojas ligados
corros de 'aca.

Faghent sonu 'e matraca**
cun sogas e furcones,
catzana sos sirbones
fin'a sa morte.

Tot'in intro 'e sa corte
sa preiga fioris,
amonis e coloris
dae su coro.

Cun esemplos de oro
faghes prò ti cumprender,
s'ornine non s'arrendet
in su caminu.

Vassallu peregrinu,
cun forza cristiana
e paraula galana
ses una giae.

Totus a passu grae.

S.ANTONIO IN INVERNO

Procediamo tutti a passo lento
sino alla piana,
ove le paludi di Ottana
sono gelate.

L'aiuto del Signore
ci infonde forza e spirito vitale,
pur avendo noi l'anima sereno
ma sofferente.

Tutti, all'arrivo,
ci aprono le porte
per l'anima affaticata
è un sollievo.

Il tragitto tortuoso,
in quella lunga via,
è sovrastato da voci di preghiera
e di bontà.

Oggi sia lontana l'inimicizia,
con i suoi lividi riverberi,
e per Antonio santo,
ci si senta tutti uniti.

Intorno al grande fuoco,
si salta
con vesti di pelli,
un 'altra razza.

La maschera di sughero,
bestie di ogni specie,
saltano tremebonde
mentre fuma il respiro.

Sotto il cielo sereno,
saltano i "Pandelados",
avendo legate con stuoie
corna di vacca.

Fanno rumore di matraca,
con lacci di pelle e forconi,
cacciano i cinghiali
fino alla morte.

Dentro la corte
fiorisci la predica,
dai avvertimenti e la dipingi
con parole che ti nascono dal cuore.

Per farti capire
fai esempi d'oro
perché l'uomo non si arrenda
nella via.

Vassallo pellegrino,
con forza cristiana
e parola leggiadra,
sei una chiave.

Tutti a passo stremato.

 *Sos "Pandelados": le maschere di Ottana.
**Matraca: strumento in legno formato da due tavole lagate tra loro da una correggia e combacianti a mo' di valve, comandate da un'impugnatura che forma un tutt'uno con la tavola principale. Usate nella settimana santa al posto delle campane.

Tratto da: Deus ti salvet maria
a cura di Eliano Cau